Pronto per iniziare?

Broker pluripremiato

 

Con uno dei trader più conosciuti ed esperti, Giovanni Lapidari

Ogni lunedì mattina alle 9:00

 

Conto di trading professionale

Registrati per un webinar gratuito

EUR-USD Up

Bid
Ask
--.--
--.--

GBP-USD Up

Bid
Ask
--.--
--.--

USD-CHF Up

Bid
Ask
--.--
--.--

XAU-USD Up

Bid
Ask
--.--
--.--

XAG-USD Up

Bid
Ask
--.--
--.--

USOil Up

Bid
Ask
--.--
--.--

UK100 Up

Bid
Ask
--.--
--.--

DAX Up

Bid
Ask
--.--
--.--

WS30 Up

Bid
Ask
--.--
--.--

BTC-USD Up

Bid
Ask
--.--
--.--

LTC-USD Up

Bid
Ask
--.--
--.--

I nostri prodotti, le vostre regole

Forex

Fai trading su oltre 40 rapporti di cambio con spread da 0.7 su EURUSD

Commodities

Accedi ai tuoi metalli preziosi preferiti con l'esecuzione STP

Criptovalute

Entra a far parte del fenomeno globale con la nostra gamma di criptovalute

La piattaforma originale

I principali prezzi di mercato con Premium MT4 Trading

  • Scegli fra oltre 50 indicatori integrati 
  • Trading su mobile, tablet e desktop
  • Programma il tuo Expert Advisor personale
  • Implementa la tua strategia di trading personale 
  • Goditi una interfaccia facile da usare  

 

Leggi di più

Mai perdere un'opportunità

Analisi di mercato

Cryptosquawk

BSG e SBI collaborano per creare un econsistema digitale globale

Boerse Stuttgart Group (BSG), l’operatore della seconda più grande borsa valori tedesca, e il colosso finanziario giapponese SBI stanno collaborando per creare un “ecosistema globale end-to-end per le risorse digitali”, sebbene in questa fase non vi sia ancora una precisa tempistica, riporta Cryptonews.com.

SBI acquisterà al più presto una quota del 10,0% nella borsa digitale di Stoccarda e investirà anche in società digitali di Stoccarda, come annunciato da BSG la scorsa settimana. Tutte le parti interessate stanno vendendo le rispettive quote, ha detto un portavoce, anche se i dettagli dell’investimento pianificato in BSDV devono ancora essere valutati.

Alexander Höptner, presidente del consiglio di amministrazione di BSG, ha affermato che oltre allo scambio di conoscenze e tecnologia, i possibili ambiti di collaborazione comprendono l’emissione incrociata e la quotazione di risorse digitali, il commercio e l’intermediazione, nonché la creazione del bridge di custodia globale.

“Il gruppo SBI, compresa la sua piattaforma di trading di cripto-attività e altre società operative correlate, faranno pienamente uso della collaborazione con il gruppo BSG, per stabilire bene le effettive esigenze dell’asset digitale in tutto il mondo”, Yoshitaka Kitao, Presidente di SBI Holdings, che è anche membro del consiglio di amministrazione di Ripple, ha dichiarato.

Lo scorso settembre, BSG ha lanciato BSDEX, la prima piattaforma di negoziazione regolamentata della Germania per le attività digitali. Mentre il trading sulla piattaforma è stato inizialmente lanciato per utenti selezionati, a partire da dicembre è ora aperto a tutti gli investitori con sede in Germania. BSDEX potrebbe essere aperto per altri paesi dell’Unione Europea nel 2020, ha detto il portavoce.

“Il prossimo passo è la creazione di una piattaforma di mercato primaria che consentirà alle aziende l’emissione di token digitali, per il finanziamento aziendale o per rappresentare diritti e beni, ad esempio”, ha detto a Cryptonews.com Dirk Sturz, CEO di Boerse Stuttgart Digital Exchange.

Boerse Stuttgart Digital Ventures è alla guida della strategia di digitalizzazione di BSG. Le sue filiali sono Sowa Labs GmbH, che ha sviluppato l’app di trading di criptovaluta Bison, e blocknox GmbH, custode di risorse digitali.

Nel frattempo, SBI è attiva anche nel settore delle criptovalute e del blockchain dal 2016. Questa settimana è stato annunciato che SBI ha stretto un accordo con OneConnect, parte del colosso assicurativo cinese Ping An Group. Le società hanno deciso di lanciare una società di recente costituzione in Giappone, con l’obiettivo di rivitalizzare le banche giapponesi più piccole e regionali utilizzando la tecnologia blockchain e le soluzioni fintech. Inoltre, SBI sta valutando l’emissione di token XRP come ricompense per gli azionisti a livello aziendale.

Secondo Garlinghouse, il 50% delle prime 20 banche mondiali scambierà beni digitali nel 2020

Le valute fiduciarie diventeranno digitali nel 2020, con il 50% delle più grandi banche globali che lavoreranno con risorse digitali, ha affermato Brad Garlinghouse, CEO di Ripple, secondo quanto riportato da Cryptonews.com.

Garlinghouse prevede che la metà delle 20 maggiori banche mondiali deterrà e commercerà attivamente attività digitali il prossimo anno, mentre le valute convenzionali verranno digitalizzate.

In un post sul blog in cui il team di Ripple ha condiviso le sue previsioni per il 2020, il capo di Ripple afferma di ritenere che almeno una valuta non appartenente al G20 sarà completamente digitalizzata, con il peso argentino come possibile candidato. Garlinghouse ha anche ricordato che “il primo vero impegno pubblico con risorse digitali è iniziato solo pochi anni fa nel 2017”.

Ethan Beard, vicepresidente senior della consociata in via di sviluppo di Ripple, ha invece affermato che nel 2020 almeno una banca centrale virerà verso il digitale.

I dirigenti di Ripple ritengono che nel 2020 arriveranno nuove scoperte e applicazioni tecnologiche per le risorse digitali, con l’evoluzione continua nel settore delle criptovalute. Un tasso sempre più rapido di adozione istituzionale aiuterà la blockchain e le valute digitali a continuare a “emergere come fondamenti del futuro finanziario mondiale”, hanno affermato.

L’adozione istituzionale aiuterà la tecnologia a sopravvivere a lungo termine, hanno affermato gli esperti di Ripple. La società prevede un’ondata di adozione il prossimo anno, quando le aziende tradizionali inizieranno a utilizzare blockchain e risorse digitali, in particolare marchi di fiducia, come State Street o Bank of New York, ha dichiarato Breanne Madigan, responsabile dei mercati istituzionali globali di Ripple.

Com’era prevedibile, la società prevede un buon anno per il token XRP. Ma Ripple pensa anche che altri token possano godere di un’impennata di popolarità.

Un decennio di allentamento quantitativo ha spianato la strada all’era della valuta digitale

Riportiamo un estratto saggio di Michael J. Casey pubblicato su Coindesk.com, nel quale l’autore spiega il motivo per cui le politiche monetarie ultraespansive hanno incentivato il consolidamento delle valute digitali.

“Per la maggior parte degli investitori del mercato dei capitali, gli ultimi 10 anni sono forse meglio descritti come il “decennio del QE”. Attraverso una radicale politica di “allentamento quantitativo” introdotta per contrastare il problema dello “limite inferiore pari a zero” nei tassi di interesse, le banche centrali degli Stati Uniti, della zona euro e del Giappone hanno aggiunto quasi 10 trilioni di dollari di attività ai loro bilanci dalla fine del 2009.

Tenuto conto di questo massiccio surplus, nient’altro contava molto per i mercati finanziari. Azioni, obbligazioni e materie prime si sono mosse in una correlazione sempre più stretta l’una con l’altra. Per lo più sono caduti in una stretta dipendenza dalle politiche monetarie che hanno gestito la droga del QE.

Ci sono molte ragioni per ritenere che questo massiccio intervento abbia creato una gigantesca distorsione.

Uno che attira l’attenzione è il fatto che, a un certo punto, quest’anno 17 trilioni di dollari di obbligazioni sono state scambiate con rendimenti negativi, il che significa che gli investitori avevano troppi soldi e erano disposti a pagare creditori “sicuri” per il privilegio di prendere i loro soldi.

Ma ci sono altri segnali di avvertimento che il rincaro del mercato alimentato dal QE è decisamente in linea con le realtà del mondo. Come ha affermato Michael Harnett, capo stratega della Bank of America in un recente rapporto di ricerca, “Entriamo nel prossimo decennio con tassi di interesse ai minimi di 5.000 anni, la più grande bolla patrimoniale della storia, un pianeta che si sta riscaldando e un profilo deflazionistico di debito, disservizi e dati demografici “.

 
Read More

Calendario economico

Negozia con fiducia

BP Prime è stata fondata nel 2013 come Black Pearl Securities Limited con l'obiettivo di trasformare il trading online, creando una esperienza da leader mondiale nella quale i nostri clienti possano aver fiducia. Abbiamo il nostro quartier generale a Londra, con uffici operativi in Cina.

La società ha una base di clienti in tutta Europa, Asia e Sud America, e offre la sua esperienza e i suoi sistemi avanzati sia ai clienti retail che a quelli istituzionali.

  • Broker regolamentato e di fiducia
  • Supporto dedicato ai clienti 24/6
  • Spread e commissioni competitivi
  • Non-dealing desk
  • Esecuzione veloce e bassa latenza

Per saperne di più sui mercati

Trova i tuoi limiti di trading con le nostre risorse educative

Webinar

Come parte del nostro programma educativo completo, offriamo webinar gratuiti presentati da professionisti forex altamente qualificati che offrono webinar interattivi gratuiti disponibili per chiunque nel mondo.

Corsi educativi

Porta la tua conoscenza più avanti con la nostra scelta di corsi finanziari accreditati, sostenuti dal governo britannico e riconosciuti internazionalmente.

Un broker sul quale puoi contare

Un broker regolamentato e di fiducia

No dealing desk

Supporto dedicato ai clienti 24 ore al giorno, tutti i giorni